Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Presentazione della raccolta di saggi "Memorie d’Europa – Lia Wainstein, un’intellettuale libera del Novecento"

Data:

09/04/2019


Presentazione della raccolta di saggi

Regina Wainstein, la curatrice della raccolta di saggi presenta il volume in conversazione con Pauli Mäkelä, che dal 2006 al 2010 ricoprì il ruolo di Ambasciatore della Finlandia in Italia.

Lia Wainstein nacque nel 1919 a Helsinki in una famiglia russa che la Rivoluzione d’Ottobre aveva indotto all’esilio. Trasferitasi in Italia, con una parentesi in Svizzera per sfuggire alle leggi razziali, divenne giornalista, scrittrice e traduttrice, sostenuta da una solida cultura cosmopolita. Fu attiva per mezzo secolo, fino alla morte nel 2001, collaborando a testate quali «Il Mondo», «La Stampa» e «La Voce Repubblicana», oltre che a numerose riviste culturali. La sua casa a Roma fu sempre un sicuro punto di riferimento per i dissidenti russi, nonché un cenacolo ispirato ai principi liberali.

Le degenerazioni del potere sovietico, il sistema totalitario nato in Russia sul tradimento delle speranze rivoluzionarie, la lunga marcia verso la libertà, il ruolo degli intellettuali e la loro responsabilità civile e poi i rapporti tra Italia e Unione Sovietica, l’amore per la Finlandia. Sono tanti i temi trattati da Lia Wainstein, tra cultura e politica, negli oltre milleduecento scritti che la scrittrice ha lasciato e da cui la nipote Regina ha tratto la raccolta che compone questo volume. Un omaggio a un’esponente della grande cultura europea del Novecento, un viaggio nella tragedia del secolo.

A corredo dei testi ripubblicati, un’appendice al volume presenta l’intera bibliografia degli scritti di Lia Wainstein, censiti e catalogati da Regina Wainstein, che ha curato anche un breve saggio introduttivo al volume.

Stefano Folli, amico e collega molto stimato da Lia Wainstein, e Lia Levi, anche lei legata a Lia da una lunga e affettuosa amicizia, hanno contribuito ad arricchire il volume con propri scritti originali.

Completa il volume un significativo apparato iconografico inedito e proveniente dagli album di famiglia.

In questa occasione viene dedicata a Leo Wainstein, padre di Lia, una delle aule in cui si tengono i corsi dell’Istituto.

Leo Wainstein fu un grande sostenitore dell’Italia. Console d’Italia a Helsinki nel 1919-1923 e Console onorario dal 1949-1968, contribuì ai rapporti commerciali tra i due Paesi come membro della Camera di commercio italo-finlandese. Grazie alla sua donazione, nel 1954 fu inaugurata la sede dell’Istituto a Ullankatu.

La conferenza ha luogo presso la sede dei corsi di lingua dell’Istituto di Cultura, Ullankatu 3 A 2. Si inizia alle ore 17.00 con la dedica dell’aula a Leo Wainstein e subito dopo avrà luogo la conferenza su Lia Wainstein. La discussione si svolge in italiano e finlandese.

I posti sono limitati; prenotazione obbligatoria all’indirizzo iichelsinki@esteri.it

Informazioni

Data: Mar 9 Apr 2019

Orario: Alle 17:00

Organizzato da : IIC Helsinki

Ingresso : Libero


Luogo:

Ullankatu 3 A 2, 00140 Helsinki

849