Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Cinema, TV, teatro, pubblicità: la costumista Grazia Colombini e il suo approccio a linguaggi diversi

Data:

13/02/2019


Cinema, TV, teatro, pubblicità: la costumista Grazia Colombini e il suo approccio a linguaggi diversi

Per la rassegna Fare cinema, la costumista Grazia Colombini tiene un incontro con gli studenti della Aalto University in cui parla della sua attività in settori diversi come il cinema, teatro, pubblicità e video. L'incontro e' aperto al pubblico.

Sede: Stanza 107 School of Arts, Design and Architecture, Edificio Väre, Otaniementie 14, 02150 Espoo

Grazia Colombini nasce a Milano dove compie gli studi artistici a Brera e inizia la sua attività collaborando come costumista e set designer con fotografi e registi in numerosi progetti editoriali, pubblicitari e televisivi. Nel 2000 si trasferisce a Roma dove all'attività di costumista per il cinema, teatro e televisione, affianca quella di coordinatore per il corso di costume della Scuola d'Arte Cinematografica Gian Maria Volontè. Disegna inoltre costumi per spettacoli di danza contemporanea, video installazioni e video musicali.

Nel 1990 collabora al film Reise der Hoffnung di Xavier Koeller, Premio Oscar al miglior film straniero. Inizia in seguito una lunga collaborazione con Giuseppe Bertolucci e riceve la candidatura ai Nastri d'argento per Troppo sole nel 1995. Sempre in quegli anni realizza i costumi di Appassionate di Tonino De Bernardi (in concorso al Festival di Venezia) e del serial televisivo di Ugo Gregoretti Il conto Montecristo.

Nel 1997 collabora agli spot Aperol Soda che vincono al Festival de la Publicitè di Cannes. Nel 1999 collabora con Pasquale Scimeca al film Placido Rizzotto. Sempre con Scimeca riceve la candidatura ai Nastri d'argento per Gli indesiderabili e La passione di Giosuè l'Ebreo. Nel 2009 riceve la candidatura ai Nastri d'argento e al Ciak d'oro per Il seme della discordia di Pappi Corsicato.

Tra gli ultimi lavori per il cinema si segnalano Matrimoni e altri disastri di Nina di Majo, La pecora nera di Ascanio Celestini (in concorso alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia) È stato il figlio di Daniele Ciprì (in concorso alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia 2012)per il quale riceve la candidatura al David di Donatello, Nina di Elisa Fuksas in concorso al Tokyo International Film Festival 2012, La buca di Daniele Ciprì, Vergine giurata di Laura Bispuri in concorso al Berlinale 2015. Nel 2018 collabora al film Dove non ho mai abitato di Paolo Franchi che vince il Globo d’Oro come miglior regia.

Informazioni

Data: Mer 13 Feb 2019

Orario: Dalle 09:15 alle 12:00

Organizzato da : IIC Helsinki

In collaborazione con : Aalto University

Ingresso : Libero


Luogo:

Aalto University

838