Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Fantastico! Arte italiana degli anni Venti e Trenta all'Ateneum

Data:

10/05/2018


Fantastico! Arte italiana degli anni Venti e Trenta all'Ateneum

Grande mostra che ripercorre le vicende del Realismo magico attraverso una selezione di capolavori pittorici provenienti da importanti collezioni pubbliche e private.
Coniata dal critico Franz Roh in un celebre saggio dedicato alla pittura contemporanea (1925), la definizione Realismo magico descrive una stagione artistica internazionale che ha conosciuto la sua fase più creativa e originale tra gli anni Venti e gli anni Trenta del Novecento. Si tratta di un periodo successivo alle vicende delle avanguardie storiche, segnato dal recupero della tradizione pittorica e scultorea.
La rappresentazione oggettiva che il termine “realismo” evidenzia si accompagna, in questa espressione, a un aggettivo che evoca le atmosfere sospese e surreali caratteristiche di questa corrente. La realtà è infatti punto di partenza di una trasfigurazione che passa attraverso l’immaginazione e la meraviglia, messa in atto da un gruppo di artisti tra cui spiccano Cagnaccio di San Pietro, Felice Casorati, Antonio Donghi, Achille Funi, Carlo Levi e Ubaldo Oppi.
Accanto agli interpreti più noti operano alcuni artisti attivi nelle realtà più locali dell’arte veneziana, triestina, torinese e romana, a conferma della trasversalità di temi e stili su cui converge l'esperienza pittorica italiana di quei decenni. Tra questi Mario e Edita Broglio, Carlo Sbisà, Gregorio Sciltian e Cesare Sofianopulo.
Il percorso espositivo, che indaga la complessità delle fonti di ispirazione e le diverse declinazioni di ambito italiano, fa luce sulle novità interpretative che il Realismo magico mette in campo rispetto ad alcuni generi della tradizione pittorica. È questo, infatti, il primo progetto realizzato dopo l’importante antologica curata da Maurizio Fagiolo dell’Arco, tenutasi tra il 1988 e il 1989 alla Galleria dello Scudo di Verona.

La mostra include inoltre opere di artisti presenti nella collezione dell’Ateneum che rappresentano il Modernismo realista e classicista degli anni Venti e Trenta in Finlandia, come Ragnar Ekelund, Greta Hällfors-Sipilä, Yrjö Ollila e Ilmari Vuori.

A cura di Gabriella Belli e Valerio Terraroli, la mostra è realizzata in collaborazione con 24 ORE Cultura.

Per maggiori informazioni su orari e biglietti, visitare ateneum.fi

Informazioni

Data: Da Gio 10 Mag 2018 a Dom 19 Ago 2018

Orario: Dalle 10:00 alle 17:00

Organizzato da : Ateneum

In collaborazione con : IIC Helsinki

Ingresso : A pagamento


Luogo:

Ateneum, Helsinki

801